Premio Trecatese dell’anno 2010

OLYMPUS DIGITAL CAMERAE’   stato   assegnato  sabato  13  Febbraio 2010, con  una  cerimonia ufficiale tenutasi presso la sala consiliare del Comune di Trecate, il prestigioso riconoscimento di Trecatese dell’Anno.
Il premio, consegnato dal Sindaco e dal presidente della Consulta dei Santi Patroni, alla presenza del parroco don Gilio Masseroni, è andato quest’anno ad un’associazione. Si tratta del gruppo trecatese Amici 52, una Onlus particolarmente attiva sul territorio grazie alla collaborazione con il Comune e la Parrocchia nell’organizzazione di eventi e iniziative di grande utilità per i cittadini. Importanti il “progetto oratorio”, la donazione di un ecocolordoppler all’Asl con il contributo del Comune e i fondi del 5 per mille.

Da ricordare inoltre la partecipazione attiva nell’organizzazione di eventi in grado di mantenere vive le tradizioni trecatesi, come ad esempio il Falò di Sant’Antonio e i festeggiamenti legati al Carnevale.      L’ associazione Gruppo Trecatese Amici 52, inoltre,  è anche titolare del sito  ” La piazza di trecate”.

Grande soddisfazione è stata espressa dal Sindaco di Trecate, che ha consegnato il premio nelle mani del presidente dell’associazione Giancarlo Antonietti.


Motivazioni del Premio elencate dall’ ing. Peretti presidente della Consulta SS Cassiano e Clemente

Quando si deve presentare qualcuno a cui si è scelto di attribuire un riconoscimento, si cerca di approfondire andando a cercare nel particolare quanto questi ha realizzato. Abbiamo fatto ciò anche per il Gruppo Trecatese Amici 52 e devo dire che sono rimasto molto colpito dalle molteplici attività che svolge, a volte anche parzialmente nascoste dall’abitudine della presenza costante, cioè siamo cosi abituati a sapere che ci sono che quasi non lo notiamo più. Eppure questo riconoscimento vuole essere una testimonianza proprio all’impegno che questa associazione ha e continua a dimostrare per Trecate, sotto i molti aspetti che la caratterizzano e la avvicinano sia alla sfera prevalentemente civile che a quella della parrocchia. Anche il loro motto, se mi è permesso chiamarlo così, “Per riuscire Insieme”, si inserisce e li inserisce con grande dignità nell’ambito di tutto lo spettro dell’associazionismo trecatese. In pratica, al di là delle belle parole, per noi il Gruppo Trecatese Amici 52 è un amico, sia perché composto da persone che come gli amici ti aiutano e aiutano la comunità sia perche come gruppo ha in parte le nostre stesse finalità, di solidarietà e intenti. Concludo quindi ringraziando, in rappresentanza, il presidente Antonietti, per quanto fa per la comunità trecatese esprimendo ancora una volta il mio personale apprezzamento unito a quello dell’intera Consulta dei Santi Cassiano e Clemente.


Intervista con Giancarlo Antonietti, presidente Gruppo Trecatese Amici 52

“Onorati e orgogliosi di ricevere questo riconoscimento”. Questa la prima frase che il presidente Antonietti ha pronunciato nel ricevere il premio. “Se avessimo pensato di scrivere un libro dal titolo”I nostri primi vent’anni” non avremmo mai immaginato che il finale fosse ricevere il riconoscimento “Santi Cassiano e Clemente – Città di Trecate “ per l’anno 2009. Naturalmente ci sentiamo anche preoccupati per il peso che questo premio possa “condizionare” le decisioni future che l’Associazione prenderà o dovrà prendere per i progetti futuri e quelli già in cantiere. Nell’albo d’oro di questa benemerenza vi è impresso il nome di una persona che è stata per me grande amico e maestro di vita: Angelo Busto. Questo mi riempie di gioia e commozione, perché alcuni anni fa mi spronò a continuare sulla strada intrapresa dall’Associazione Amici 52, anche se aveva aggiunto di non attendermi riconoscimenti. Sono convinto che dall’alto del cielo, gioisca con me e con i miei cari Amici 52. In questa circostanza è obbligo e doveroso fare ringraziamenti, e mai come in questa occasione sinceri e meritati, oltre che credibili.”

Soci Associazione. “Il primo pensiero dirige a coloro sono gli artefici di questo premio, che io definisco “quelle splendide famiglie trecatesi che compongono l’associazione” eterogenee nelle capacità, professionalità e competenze, ma omogenee nei valori Quei valori che hanno sempre caratterizzato il loro percorso di vita e contraddistinto la proposizione dei progetti e dei comportamenti. Abbiamo certamente difetti, limiti che contraddistinguono l’umana esistenza, ma quando riuniscono le forze e i propri valori, si creano sempre i presupposti per dare il meglio di loro stessi. Non aggiungerei altro, anche se ne avrei ben donde.”

Consulta SS Cassiano e Clemente. “Esprimo sinceri ringraziamenti alla Consulta, nella persona del Presidente Peretti Ing. Giuseppe, e a tutti i Consultori per l’attenzione che ci hanno concesso nella scelta per questo ambito premio. Abbiamo sempre avuto grande disponibilità nei confronti di questa eminente realtà locale, condividiamo il loro operato e quando abbiamo avuto la possibilità di collaborare congiuntamente per eventi da loro organizzati, i risultati sono stati significativi. Ricordo con estrema soddisfazione la “Rievocazione Storica” della traslazione delle reliquie di San Cassiano. Sono grato inoltre al presidente, stimato amico, e ai suoi collaboratori per l’opera meritoria nel tenere vivo la tradizione dei nostri SS Patroni.”

Amministrazione Comunale. “Sentiti ringraziamenti all’amministrazione comunale, nella persona del Sindaco Zanotti Fregonara Enzio, alla Giunta Comunale, al Consiglio Comunale per la condivisione sulla scelta della nostra Associazione per l’ambìto riconoscimento. Anche con loro abbiamo condiviso progetti importanti ed altri sono in cantiere. Non abbiamo avuto percorsi privilegiati, ma attenzione massima e collaborazione professionale per risolvere le problematiche emerse nelle varie istanze. Ricordiamo ancora con piacere la condivisione determinante dell’ultimo “Progetto Ecocolordoppler”, la cui apparecchiatura è operativa c/o il Poliambulatorio della nostra città, e finanziato con il 5 x mille dei trecatesi. Una menzione particolare ai responsabili di settore, in primis la Dott.sa Marta Sogni, che loro malgrado e a causa delle nostre molteplici attività si sono sobbarcati molti oneri.”

Parrocchia. “Menzione particolare ad una persona che è stato “Padre” di nome e di fatto, il nostro parroco rev. Don Gilio Masseroni. Con lui abbiamo avuto la possibilità di effettuare un salto di qualità, nelle capacità e nei programmi. Grazie al “Progetto Oratorio”, che rimarrà pietra miliare dell’Associazione Gruppo Trecatese Amici 52, lo abbiamo conosciuto in modo tangibile, condiviso problemi, grandi gioie. La soddisfazione di aver ricevuto da Lui parole di conforto in momenti difficili, che inevitabilmente si presentarono nel corso di circa sei anni di impegno. Si sono verificate occasioni in cui prendere decisioni di grande spessore, che avrebbero inciso sul progetto stesso, ma grazie ai consigli, sostegno e la sua determinazione abbiamo avuto la gioia di vederlo realizzato nella sua straordinaria grandezza. Non sappiamo cosa ci riserverà il futuro, ma siamo certi che un posto nei nostri cuori rimarrà per sempre. Grazie Don Gilio.”

Cittadini Trecatesi. “Un grazie autentico e doveroso ai numerosi cittadini, che sotto ogni forma e nelle più svariate tipologie, ci hanno aiutato in modo costante e significativo. Ci pregiamo di avere avuto solo uno o due dinieghi su centinaia di richieste nel corso di vent’anni di attività. Sono stati importanti, anche, nella percezione di avere la loro attenzione e disponibilità a rispondere ad ogni ns. richiesta. Ci pervengono molte richieste di aiuto e collaborazione, ma non abbiamo purtroppo il tempo per soddisfare tutte le esigenze. Individuiamo quelle che cercano di accomunare interessi più generali della collettività. Quanta brava gente c’è a Trecate, spesso dimenticata, ma non da noi. Una parte del riconoscimento è anche loro.”

Organi di Stampa. “Dobbiamo ringraziare doverosamente anche le testate giornalistiche del nostro circondario ed in particolare i loro inviati e/o corrispondenti. Non abbiamo mai cercato le prime pagine per farci notare, ma con le molteplici attività e lo spessore dei progetti, non potevamo tenere all’oscuro i cittadini. Grazie a loro abbiamo avuto sempre tanta attenzione, supporto pubblicitario, evidenziazione degli eventi, consigli utili a penetrare nell’opinione pubblica con l’informazione trasparente. Sentendoli amici e degni di menzione per la grande professionalità, ci permettiamo di invitarli a pubblicare più cronaca bianche che quella nera, dare più attenzione alla foresta che cresce silenziosa a sfavore dell’albero che cade. E’ probabile che possiate migliorare la società che ci circonda, e .. la tiratura dei giornali stessi.”

Associazioni Trecatesi. “Per ultimo, ma non certo per importanza, ringraziamo le associazioni trecatesi. Molte di loro hanno avuto l’opportunità di conoscerci per aver condiviso progetti e attività. Con alcune abbiamo un comune interesse, che prosegue da molti anni e finalizzate al bene della collettività. Avrebbero diritto di essere tutte menzionate, ma corre l’obbligo di ringraziare in modo particolare i Lions Torre del Basto per averci gratificato di un riconoscimento nel corso del concerto di Santa Lucio nel dicembre u.s. per la collaborazione che gli abbiamo sempre concesso. In un recente incontro con l’Assessore Binatti Federico ci è stato confermato che sul territorio di Trecate esistono centosei realtà associative. Straordinario! Quante potenziali risorse si potrebbe sviluppare se ci fosse più collaborazione tra di loro, più scambio di sinergie, più interesse collettivo che individuale. Con il nostro motto “per riuscire insieme” abbiamo dimostrato concretamente che fare “rete” oltre ad essere più costruttivi si possono proporre progetti più ambiziosi. Ci auguriamo che il riconoscimento indirizzato verso un’associazione, sia di buon auspicio che quanto prima esplicitato possa avverarsi. Trecate lo richiede, Trecate lo merita. Grazie dell’attenzione.”